Home > Carte da gioco bergamasche

Carte da gioco bergamasche

Carte da gioco bergamasche

Le carte Bergamasche da molti sono considerate quelle in vero stile italiano. Il quattro di denari ha una rappresentazione del sole e il cinque di denari ha invece disegnata una bilancia. Numero di carte: Cartoncino triplex Involucro: Astuccio di cartone colore rosso. Utilizziamo i cookie per rendere migliore la tua esperienza di navigazione. Usando i nostri servizi consenti l'utilizzo dei Cookies Per saperne di più. Articoli 1 - 9 di Pagamenti sicuri nel circuito Paypal, utilizza il tuo account oppure tutte le principali carte di credito. Nel Dal Negro Online Store puoi trovare oltre mille prodotti di qualità: Gioca con noi!

Le carte di tipo spagnolo esistono solo nella versione a 40 carte. Un particolare gruppo di carte appartenenti a questo gruppo sono le romane, nate negli anni settanta, hanno incontrato poca fortuna tra i giocatori e non sono state più prodotte; queste carte avevano le figure che si rifacevano alla tradizione romana: I quattro simboli denari, bastoni, coppe e spade rappresentavano per alcuni in origine le diverse classi in cui era divisa la società medievale, rispettivamente i mercanti, i contadini, il clero e i guerrieri.

Le carte bergamasche sono carte in stile italiano. L'asso di coppe, come anche nelle carte trentine e bresciane, presenta una forma a fontana e si ispira all'emblema della famiglia Sforza. I denari sono chiamati "ori" e sono rossi e neri; l'asso di ori è un grande cerchio giallo e arancione. Inoltre in mazzi di alcune produzioni sono presenti 4 carte supplementari di cui 2 recano i numeri dall'1 all'8 e due che recano i numeri dall'1 al Assieme alle Carte Trevisane sono le carte più lunghe d' Italia. Questo mazzo è la derivazione diretta del mazzo del tarocco o tarocchino bolognese. A quest'ultimo sono stati tolti i trionfi, le regine e le carte numerali dall'8 al 10, aggiungendo i valori numerali dal 2 al 5.

In questo mazzo, sono reversibili sia le figure che le carte numerali, fatta eccezione per l'asso di denari, che rappresenta una cornice nera col bollo d'imposta al suo interno. Le bresciane sono carte in stile italiano. È l'unico mazzo regionale che esiste solo nella versione a 52 carte, poiché servono per giocare a cicera bigia , un gioco tipico della provincia di Brescia.

Le carte dall'otto al dieci sono detti scartini, in quanto per alcuni giochi, ad esempio la briscola, tali carte non sono utilizzate. Le figure intere sono di tipo "naive" con colori piatti e proporzioni del corpo approssimative. Come tutte le carte di "tipo italiano" hanno le spade in forma di scimitarre, e i bastoni in forma di scettri. Gli assi sono elaborati. Numerose carte hanno dei soprannomi: L'asse di coppe è talvolta chiamato "Angiulina" , per via dell'angelo raffigurato, e il quattro di spade è la "Madonnina dei prati". Diffuse in tutta la Liguria , le carte genovesi sono a semi francesi con figure doppie a linea di divisione diagonale.

Il loro stile è molto simile a quello francese tradizionale il cosiddetto stile di Parigi e ancor più a quello belga, dal quale si distinguono solo per piccoli dettagli mancanza di indici. Il mazzo di 52 carte usato per il Baccarà e lo Chemin de fer è composto da carte in stile genovese. Il mazzo è costituito da 40 carte e le figure sono molto elaborate, con figure doppie in stile "svizzero" a divisione orizzontale. Diffuse in tutta la Lombardia occidentale, il fante di fiori presenta ricamato sul petto il biscione visconteo, simbolo di Milano. Le carte napoletane sono carte in stile spagnolo. Sono tra le carte regionali più diffuse in Italia, essendo utilizzate nella maggior parte del Mezzogiorno.

La struttura di questo mazzo di carte e di quello siciliano risale al XIX secolo, come dimostrano le acconciature e i baffi delle figure di entrambi i mazzi. Il mascherone grottesco centrale del tre di bastoni è detto Gatto Mammone [3] per via dei suoi baffoni che ricordano le vibrisse dei gatti. Spiccano anche il cinque di spade con scene di semina , i denari rappresentati in forma di stelle , l'asso dello stesso seme rappresentato come un' aquila a due teste e il cavallo di spade, che rappresenta un personaggio simile a un moro col turbante in testa e la scimitarra in mano.

Le carte piacentine sono carte in stile spagnolo. Il mazzo contiene 40 carte ed ha figure a due teste. Fino agli anni cinquanta le figure erano intere. Create nella città di Piacenza , importato probabilmente sotto l'occupazione francese. I soldati francesi, infatti, usavano mazzi spagnoli per giocare ad Aluette. Questo mazzo è diffuso nelle province dell' Emilia occidentale e centrale, nella Lombardia meridionale, Toscana appenninica Garfagnana , nelle Marche , in Umbria e in Lazio ; in queste ultime tre regioni arrivarono nel XIX secolo , quando i territori dello Stato Pontificio confinavano con i ducati emiliani. Il mazzo piacentino trova molti punti di contatto con un mazzo spagnolo, disegnato da Phelippe Ayet nel circa e ritrovato nella Torre de los Lujanes a Madrid durante la demolizione.

L'asso di denari rappresenta un'enorme aquila coronata col bollo d'imposta sulla pancia, ed è detto localmente la Polla , la Pita o il Pitocco , mentre il cinque di spade ha la particolare caratteristica del motivo vegetale che contraddistingue anche il mazzo romagnolo. Molte delle pose delle figure sono analoghe. Anche l'impostazione generale delle carte numerali è molto simile. Non faceva eccezione il quattro di bastoni, nella versione spagnola sorretto dalle mani e dai piedi di un putto in alcuni mazzi è una scimmia. Nei mazzi moderni uno dei due joker è generalmente più colorato e dettagliato dell'altro, i due joker sono normalmente detti rosso e nero. Diversamente dalle figure lo stile dei joker varia e molti produttori lo usano come per imprimervi il loro marchio registrato.

Normalmente i mazzi delle carte da gioco italiane sono composte da 40 pezzi ed in 4 semi diversi tipiche sono le napoletane, piacentine, ecc. In molte regioni sono diffuse le carte con stile italiano o spagnolo con i semi a bastoni, coppe, denari e spade; in altre regioni troviamo carte illustrate con i semi francesi, cuori, quadri, fiori e picche. Di ogni seme troviamo i numeri 2, 3, 4, 5, 6, 7, più l'asso e le figure. Le carte regionali italiane si possono essere divise in quattro gruppi: Gli assi molto elaborati possono riprodurre un motto.

Esistono nelle versioni a 36 carte raro , 40 o In questo gruppo troviamo le bergamasche, le bolognesi, le bresciane, le venete, le triestine e le trentine. Sono molto diffuse nelle regioni del nord est. Appartengono a questo gruppo le piacentine le più diffuse tra il tipo spagnolo insieme alle napoletane , le napoletane, le romagnole, le siciliane e le sarde. Sono diffuse nelle regioni del centro-sud, o in tutta Italia napoletane e piacentine. Esistono solo nella versione a 40 carte. Un particolare gruppo di carte appartenenti a questo gruppo sono le romane, nate negli anni settanta, hanno incontrato poca fortuna tra i giocatori e non sono state più prodotte; queste carte avevano le figure che si rifacevano alla tradizione degli antichi romani: Fanno parte di questo gruppo le genovesi, le lombarde, le toscane, le piemontesi.

Masenghini, Carte Regionali fiorentine, siciliane, bergamasche…

Le carte bergamasche sono carte in stile italiano. Il quattro di spade è chiamato anche margì per la donnina disegnata al. Carte Bergamasche Masenghini Plastica - Scopri i giochi del Dal Negro Store. Troverai un Carte da gioco regionali bergamasche Masenghini, % Plastica. Lo storico marchio Masenghini rivive in Teodomiro Dal Negro SpA. Carte Regionali fiorentine, siciliane, bergamasche, napoletane Nel Dal Negro Online Store puoi trovare oltre mille prodotti di qualità: carte da gioco, tarocchi, scacchi. Scopri il nuovo store dedicato ai giochi da tavolo, ai giochi d'azione e a tutte le novità dall'Italia e dall'estero. Per vedere tutti i prodotti clicca qui. Le carte regionali italiane sono quasi sempre in triplex perché, per il passato, le carte da gioco erano considerate generi di monopolio e soggette quindi al bollo. Gioco con carte Bergamasche: storia ed immagini. Il mazzo è composto da 40 carte con figure a due teste e misura 50×94 mm. Sull'asso di bastoni è presente. Per visualizzare i prezzi ed acquistare devi essere registrato. Se hai un'attività puoi registrarti gratuitamente qui. Descrizione: CARTE DA GIOCO.

Toplists